Castel Giubileo, il Comune si impegna a determinare un nuovo canone in tempi rapidi

Undicesima audzione della commissione speciale sui Piani di zona, affrontati anche i casi di via Longoni e Tor Cervara.
Una veduta di Castel Giubileo 11/11/2019 - La commissione speciale sui Piani di zona del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Roberta Lombardi, ha affrontato oggi tre casi diversi. I primi due rientrano nelle fattispecie già esaminate nelle altre audizioni. Via Longoni e Tor Cervara si trovano nel IV Municipio e hanno problemi legati ad operatori che nel corso degli anni sono falliti,  oppure interessati da provvedimenti giudiziari. Nel mirino della commissione soprattutto la determinazione del prezzo massimo di cessione e le opere di urbanizzazione non completate. I tecnici del Comune e della Regione hanno fatto una panoramica sulla situazione dei contributi erogati, in particolare ci si è soffermati sul caso di uno degli operatori che negli scorsi anni ha ceduto senza l’autorizzazione i suoi diritti a un’altra società. Un caso oggetto di una controversia giudiziaria che dovrebbe a breve essere definita.

Differente la situazione del piano di zona di Castel Giubileo, realizzato negli ’80 e destinato all’affitto permanente a prezzo calmierato. Finita la stagione dell’equo canone, la società titolare del diritto di superficie, secondo un’interpretazione della convenzione con il Comune, ha applicato i canoni che derivano dai cosiddetti “patti territoriali”, più onerosi per gli inquilini che chiedono all’amministrazione capitolina di determinare una cifra più bassa. Senza l’intervento di Roma Capitale, 450 famiglie restano nell’incertezza con il rischio di arrivare anche allo sfratto. Impostazione condivisa anche dal consigliere Fabrizio Ghera (FdI) che ha ricordato come il terreno “sia comunque stato espropriato e quindi pagato da tutti noi”. Gli uffici del Comune, rispondendo a una precisa esortazione della presidente Lombardi, si sono impegnati ad avviare un percorso per determinare il canone basandosi sul prezzo massimo di cessione, in collaborazione con la Regione, in tempi molto rapidi. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su