In terza commissione si torna a parlare dei bandi a sostegno dell'editoria

Su proposta di Minnucci, la commissione chiederà all’assessore proposte per discutere su come superare le criticità emerse nell’ultimo bando
Image by Pexels from Pixabay 05/02/2020 - La commissione Vigilanza sul pluralismo dell'informazione del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Davide Barillari (M5s), si è riunita oggi per fare il punto sull’andamento dei lavori e sui prossimi impegni e per affrontare il tema della mancata assegnazione di parte delle risorse stanziate con i bandi previsti dalla legge 13/2016, in materia di informazione e comunicazione istituzionale, a sostegno dell’editoria tradizionale e per quella on line.
Secondo Barillari e i consiglieri intervenuti oggi, come era emerso anche nel corso dell’audizione del 13 novembre scorso con l’assessore allo Sviluppo economico e alle attività produttive, Paolo Orneli, è necessario capire le criticità e nel caso rivedere le modalità di assegnazione dei contributi, al fine di aumentare la partecipazione ai bandi e facilitare l’impiego di tutte le risorse messe a disposizione dalla Regione.
Dopo un breve dibattito, in cui sono intervenuti lo stesso Barillari e i consiglieri Rodolfo Lena (Pd) ed Emiliano Minnucci (Pd), su proposta di quest’ultimo si è deciso di chiedere all’assessore Orneli di avanzare delle proposte che, sulla base delle criticità riscontrate, possano affinare e ricalibrare i prossimi bandi, “in modo da fornire alla commissione una buona base di partenza su cui formulare eventuali proposte dei consiglieri”, ha detto il vice presidente della commissione Minnucci.

Per quanto riguarda il calendario dei lavori della terza commissione, Barillari ha ribadito quelli che sono gli appuntamenti in programma per le prossime sedute: organizzare con la Giunta gli “stati generali dell'informazione nel Lazio”; l’audizione sulla situazione dell’ufficio stampa istituzionale del Consiglio regionale; le audizioni con il nuovo Corecom e con i membri del Tavolo sul contratto di servizio previsto dalla legge regionale n. 13 del 2016.

In apertura di seduta, il presidente ha comunicato alla commissione che scriverà una lettera ai membri della commissione che “non sono mai intervenuti alle sedute da quando si è insediata, per sollecitare la loro partecipazione e per comprendere se ci sono problemi più profondi o se basterà solo un sollecito”, ha detto Barillari. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su