Approvata in commissione pl su anagrafe pubblica dei rifiuti

La proposta, di iniziativa di Capriccioli, è passata con l’astensione dei consiglieri M5s.

Raccolta differenziata. 25/02/2020 - La commissione Urbanistica, politiche abitative, rifiuti, presieduta da Marco Cacciatore (M5s), ha approvato a maggioranza, con l’astensione dei consiglieri M5s, la Proposta di Legge n. 80 del 27.11.2018, concernente l’“Anagrafe pubblica dei rifiuti urbani e speciali, degli impianti di recupero e di smaltimento”, di iniziativa di Alessandro Capriccioli (+Europa Radicali).

Questo atto, il cui titolo è ora “Anagrafe pubblica dei rifiuti”, renderà maggiormente pubblici rispetto a quanto avviene ora, dati e documenti inerenti al ciclo dei rifiuti nella Regione Lazio affinché ogni cittadino possa conoscere e quindi controllarne il funzionamento. A tal fine, sul sito istituzionale verrà creata una pagina web aggiornata annualmente nella quale si potranno trovare tutte le informazioni inerenti la produzione di rifiuti solidi urbani anche pro-capite per ogni comune e provincia del Lazio, inclusa la percentuale di raccolta differenziata, nonché le informazioni e i dati sull’impiantistica presente nella regione, il numero di monitoraggi e controlli dell’Arpa Lazio, le tariffe di accesso agli impianti di trattamento e smaltimento e le richieste di autorizzazioni per gli impianti di gestione dei rifiuti, fino alle autorizzazioni per le attività in materia di spedizioni transfrontaliere dei rifiuti.

Per l’assenza del proponente e di Gaia Pernarella (M5s), è stato il presidente Cacciatore a far propri gli emendamenti di Capriccioli, numerosi dei quali accolti dagli uffici dell’assessorato o riformulati, mentre Pernarella si è riservata di riproporli in Aula.

Alla seduta hanno partecipato i consiglieri Paolo Ciani (Centro Solidale – Demo.S), Rodolfo Lena e Emiliano Minnucci (Pd), Gino De Paolis (Lista Civica Zingaretti) e Valerio Novelli (M5s).

A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su