Illustrato in commissione Lavoro il Protocollo d'intesa per le politiche attive del lavoro e ripresa

Eleonora Mattia:" Questo lavoro crea un ponte verso il futuro, ben oltre la fine della legislatura"
11/03/2021 -

Politiche attive per il lavoro e rilancio dell’economia nella Regione Lazio, questo l’oggetto dell’audizione odierna in modalità telematica, in commissione Lavoro, presieduta da Eleonora Mattia, alla presenza dell’assessore Claudio Di Berardino.

In apertura dei lavori l’assessore al Lavoro Claudio Di Berardino ha illustrato per grandi linee il contenuto del protocollo che punta a rispondere in modo efficace ai cambiamenti subiti dal mercato del lavoro (non solo a causa della pandemia), sia in termini di organizzazione che di modelli di produzione. Tale protocollo “interverrà sulla riorganizzazione produttiva e dei servizi – ha spiegato l’assessore -  puntando sui fattori di sviluppo e sulle eccellenze del Lazio, mettendo in campo strumenti, e risorse per circa 200 milioni di euro, che consentiranno di gestire e affrontare i cambiamenti e le sfide che l’evoluzione del contesto economico propone.  Il protocollo – ha proseguito Di Berardino - pone particolare riferimento a alcune tipologie di destinatari come i  giovani, le  donne; persone disabili; disoccupati adulti e i percettori di ammortizzatori sociali”. Importante anche il passaggio sulla formazione e le competenze, in quanto leve importanti per affrontare la difficile situazione socioeconomica ed occupazionale, ulteriormente complicata dalla prolungata emergenza sanitaria in atto. A seguire gli interventi di alcuni rappresentanti delle associazioni datoriali, per CNA Lazio, Giordano Ravaccioni ha parlato di grande opportunità e di occasione per rendere il Lazio una regione capace di attrattività. Michele de Sossi per Casartigiani, ha puntato l’attenzione sulla necessità di attivare, contestualmente al piano delle politiche attive, anche concrete azioni di politiche industriali. La presidente Eleonora Mattia al termine dell’incontro ha dichiarato:  “Tutto questo lavoro sulle politiche attive ha l’obiettivo di  andare ben oltre questa legislatura, progetta un ponte verso il futuro, credo che questo sia molto importante. Dobbiamo guardare alla nuova economia con nuovi occhi, abbiamo davanti a noi delle sfide molto importanti, molte delle quali ci vengono indicate dall’Unione europea e tra le più importante ricordo quella della transizione ecologica e digitalizzazione, sia nel pubblico che nel privato.  E’ quindi  necessario ripensare proprio il modo di costruire le città, ce la possiamo fare, perché abbiamo i fondi del Recovery fund, 209 miliardi oltre ai fondi del programma next generation”.

Sono intervenuti: Confprofessioni Lazio, Francesco Monticelli,  Colap Emiliana Alessandrucci, Micaela Di Natale,  Unindustria - Raffaella Merlino, Marcello Orifici, Confapi Lazio  Massimo Tabacchiera. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su