Emergenza abitativa. Valeriani: "Sulle politiche della casa occorre un intervento del parlamento"

Righini : " le famiglie in difficoltà quando finiranno i sostegni del governo". 
23/03/2021 -
Audizione congiunta delle commissioni Bilancio e Urbanistica , presieduta da Marco Cacciatore, sull'emergenza abitativa sul  finanziamento della politica della casa e sullo stato dell'utilizzo dei fondi ex-Gescal.
Nel lungo intervento  di Angelo Fascetti dell'Associazione Inquilini e abitanti - Usb,  sono state sollevate tutte le criticità dell'emergenza abitativa, anche alla luce dell'emergenza sanitaria che incide su situazioni già precarie.  Non è mancato un chiaro riferimento all'inerzia del Comune di Roma, per la mancata assegnazione di case, seppur disponibli, poi sull'Ater, ormai commissariata da otto anni che andrebbe riformata e resa pubblica, insomma  " manca da troppi anni una vera politica per la  casa"  ha concluso Angelo Fascetti. A fargli eco Paolo Di Vetta,  Movimenti per il diritto all'abitare che ha dichiarato " consideriamo la Regione Lazio  l' unico soggetto amministrativo nostro intelocutore, perchè il Comune di Roma è inesistente".  
Al termine degli interventi degli auditi l'assessore alle Politiche abitative e Urbanistica, Massimiliano Valeriano,  ha invece illustrato tutte le azioni messe in campo dalla Regione. Dalla recente consegna delle 300 abitazioni popolari al Comune di Roma ( ente responsabile per i bandi e le assegnazioni), ai 100 milioni di euro stanziati per l'edilizia pubblica di proprietà della Regione, per  interventi strutturali e infrastrutturali ma anche di riqualificazione di spazi verdi e degli spazi interni. Ha ricordato i 15 cantieri aperti nelle periferie di Roma dove insiste il patrimonio Ater. Nel suo intervento l'assessore ha rammentato la necessità di combattere l'abbandono delle periferie e  la necessità di restituire qualità della vita agli abitanti di queste,  ha quindi citato i fondi sbloccati per le periferie del Quarticciolo, Torre Maura, Tor Bella Monaca, Tufello, Corviale Garbatella, Quadraro, Torre Gaia, Casal Bruciato e altre. " Il tema della casa - ha precisato l'assessore Valeriani -  è un grande problema nazionale e sbagliano quelli che pensano di affidarlo solo a livello locale, perchè  le Regioni e i Comuni da soli non ce la fanno, è un problema che sta assumendo connotati giganteschi e Roma, nel sistema Lazio, ne prende una grande parte.  In questo momento dovrebbe essere il Comune di Roma a trasferire le 200 unità abitative che come Regione abbiamo loro trasferito,  qui l'altro elemento di crititicà, ovvero  i comuni che dovrebbero fare i bandi e le assegnazioni e non procedono". Sui fondi ex Gescal, pari a 1, 7 miliardi di euro, ha ricordato che è un computo nazionale, sono 202 milioni di euro  quelli in capo alla Regione Lazio,  risorse già tutte impegnate. Il tema Gescal - ha concluso Valeriani - è importante ma va affrontato in modo diverso, se dell'emergenza abitativa non si fa carico il parlamento è illusorio che le Regioni lo possano risolvere. L'ultimo intervento risale al piano Fanfani. "Concludo - ha dichiarato  Valeriani -  rivendicando il merito che negli utlimi anni come Regione stiamo facendo, muovere quello che è stato fermo per inerzia".  Con i fondi europei e il Recovery Fund 2021 -2027  ha  precisato Valeriani,  si potrebbe dare una risposta definitiva all'emergenza abitativa, e mettere una pietra tombale sul  tema, sempre che il Comune di Roma dia i progetti. 
Molti gli interventi dei consiglieri a partire dal presidente di commisisone Bilancio, Fabio Refrigeri, che ha parlato di importante sinergia tra le commissioni e l'invito a  continuare a interloquire e sviluppare elementi specifici. 
Dall'opposizione Giancarlo Righi (FdI) ha ricordato quanto sull'ermergenza abitativa ci sia stata trasversalità tra le forze politiche. " Dovremmo chiedere tutti insieme alla politica nazionale di intervenire sull'edilizia popolare - ha dichiarato Righini -  perchè sarà ancor più emergenza quando finiranno i sostegni del governo". Fabrizio Ghera ha parlato del bonus casa che le famiglie attendono da tempo. Massimiliano Maselli (FdI) ha sollevato i ritardi che invece si registrano nei vari lavori di manutenzione sugli edifici di edilizia pubblica, come la complessità di procedere al bonus 110% per la riqualificazione di immobili Ater, ha ricordato all'assessore che oggi la Regione governa con il Movimento 5 Stelle, così come a livello nazionale, e quindi di interloquire con gli alleati che governano il Comune di Roma.  
Gaia Pernarella (M5S) ha precisato che la Regione con le sue competenze potrebbe portare  avanti un lavoro importante di ricognizione e regolarizzazione, anche in collaborazione con i Comuni dando loro  indicazioni chiare. 
Paolo Ciani ( Pd) nel suo intervento ha invitato ad affrontare il problema dell'emergenza abitativa come crisi sistemica,  perchè in emergenza si trovano soluzioni  emergenziali, mentre affrontarlo come crisi sistemica porterebbe a solzuioni definitive, a lungo termine.  
Laura Cartaginese (Lega) ha parlato del problema abitativo che coinvolge anche le province del Lazio.  
A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su