Proposta per l'Etruria meridionale, ultima audizione in commissione sviluppo

Fissato al 30 luglio il termine per la presentazione degli emendamenti al testo dalla presidente Marietta Tidei.
Spiaggia con bagnanti. 12/07/2021 - Audizione oggi in XI Commissione - Sviluppo economico e attività produttive, start-up, commercio, artigianato, industria, tutela dei consumatori, ricerca e innovazione  avente ad oggetto la proposta di legge n. 281 del 9 marzo 2021, concernente: "Piano straordinario di interventi settoriali ed intersettoriali per lo sviluppo economico e la valorizzazione territoriale dell'Etruria meridionale." Si trattava dell’ultimo appuntamento, come ha ricordato la presidente Marietta Tidei, prima di passare alla fase di esame del testo, in vista della quale la data di presentazione degli emendamenti è stata fissata al 30 luglio prossimo.

Una sola associazione ascoltata oggi, e precisamente Federbalneari Laghi con l’architetto Livia Braghetta, mentre altri contributi sono pervenuti per iscritto alla commissione e ne perverranno ancora, dal momento che la presidente Tidei ha annunciato di voler rinnovare l’invito in proposito a tutti gli enti portatori di interessi nella materia. Si tratta di un piano di interventi, in ogni caso, come ha ricordato Tidei, quindi si richiedono contributi concreti alla elaborazione del testo.

Per quanto riguarda Federbalneari Laghi, anche questa associazione di categoria si è riservata per bocca della sua rappresentante di far inserire, comunicando per iscritto alla commissione, nella proposta di legge qualcosa di più specifico per le attività balneari dei laghi e anche delle coste marine. Semplificazione e sinergia con gli enti locali sono comunque i principali tra gli obiettivi che vengono perseguiti, ha detto Braghetta anticipando il senso generale delle proposte che saranno inviate, da Federbalneari, pur sempre nel rispetto di un modello di sviluppo sostenibile.

I consiglieri presenti all’audizione, l’altro firmatario della proposta di legge insieme alla presidente Tidei, Emiliano Minnucci del Partito democratico, e Francesca De Vito del Movimento 5 stelle, non hanno voluto aggiungere nulla a quanto detto, riservandosi di formulare ormai le loro osservazioni in sede emendativa, visto che essa è ormai prossima. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su