Centro storico di Amatrice, Pirozzi chiede lumi sullo stato dell'arte

Il centro storico di Amatrice si rifarà con i fondi del Pnrr
01/02/2022 - La realizzazione della viabilità di servizio, nel centro abitato in variante al centro storico di Amatrice, è stato l’oggetto dell’audizione di oggi, in commissione Tutela del territorio, presieduta da Enrico Cavallari. Le motivazioni di questa seduta sono state illustrate dal consigliere Sergio Pirozzi (FdI), che ha ne ha fatto richiesta con i consiglieri Salvatore La Penna (PD) e Enrico Forte (PD).  Il consigliere Pirozzi ricostruisce le tappe e le proposte nate proprio in commissione, “la proposta di una variante nel centro storico di Amatrice – ha ricordato Pirozzi - fu di iniziativa di questa commissione nel 2018. Proposta che trovò la totale adesione dei partecipanti, oggi con i consiglieri Forte e La penna, ci chiediamo a che punto sia il progetto, e quali sono le tre ipotesi progettuali che interessano il futuro centro storico di Amatrice”.

Ad illustrare lo stato dell’arte è intervenuto Fulvio Maria Soccodato, dirigente di Anas SpA e soggetto attuatore per il Dipartimento della Protezione Civile e il Ministero delle Infrastrutture e del Programma di ripristino della viabilità statale, provinciale e comunale danneggiata dal terremoto del 2016 nel centro Italia. “Sono stati molti gli interventi sulle strade di Amatrice e siamo intervenuti in diversi momenti - ha spiegato l’ingegnere Soccodato -   è un programma molto ampio che ad oggi consta di circa di 1500 interventi tra strade comunali e provinciali per un costo di 1,2 miliardi euro. Nel 2018, con il passaggio di competenza del piano direttamente al Ministero dei Trasporti, per Amatrice fu concertata una eccezione, proprio per le difficoltà di ricostruzione del centro storico della città, quindi fu disposta direttamente dal Presidente del Consiglio, la previsione di una variante, oggi prevista nel piano PNRR. Il bypass del centro storico di Amatrice nasce da una intesa tra Regione e Ministero dei Trasporti. Con questi fondi la realizzazione si giova di procedure autorizzative con tempi certi, e a questo si sta provvedendo. L’ ordinanza che assegna al soggetto attuatore è del 16 dicembre – ha concluso l’ingegnere Soccodato - e a valle di questa ordinanza per avviare la progettazione si è già provveduto al recupero dello studio di fattibilità e idee di tracciabilità, con il comune di Amatrice c’è stato già un primo incontro per raccogliere i fabbisogni e metterli a sistema”.  Giorgio Cortellesi, sindaco di Amatrice; nel suo intervento ha auspicato che si possa bypassare il centro poichè oggi la viabilità alternativa paralizza il centro storico. “Quello che con forza ribadisco – ha concluso il sindaco Cortellesi -  è quello di riuscire a realizzare la viabilità provvisoria che possa bypassare il centro, per consentire una ricostruzione più agevole senza intralciare i lavori “. Nella seduta sono intervenuti l’assessore Mauro Alessandri che ha ripercorso le diverse fasi dei lavori, e illustrato l’attività  dell’Astral sulla viabilità di servizio e Claudio Di Berardino.

Al termine della seduta il presidente Cavallari, anche su proposta del consigliere Angelo Tripodi, aggiorna la seduta per studiare proposte che possano incidere sulle scelte del Governo per il progetto del centro storico di Amatrice. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su